Volkswagen T-Cross - La Suv compatta sarà prodotta in Spagna

4 Ruote - Lug 13,2018

La Volkswagen ha confermato che la nuova Suv compatta T-Cross (qui il nostro primo contatto con il prototipo) sarà costruita in Spagna, all'interno della fabbrica di Navarra. Lo stabilimento iberico aprirà così per la prima volta le proprie porte a un secondo modello oltre alla Polo, con la quale la sport utility condividerà la piattaforma costruttiva Mqb A0.

Verso le 350 mila auto all'anno. Ad annunciare il sito produttivo è stato Andreas Tostmann, responsabile della produzione e della logistica della Volkswagen, che ha sottolineato come la condivisione delle linee produttive permetterà un netto miglioramento dell'efficienza della fabbrica spagnola. Attivo da ormai più di 30 anni nella fabbricazione della Volkswagen Polo, lo stabilimento di Navarra, secondo le stime della Casa, amplierà la propria produzione dalle 244 mila unità del 2017 fino a circa 350 mila esemplari all'anno: ciò porterà anche a un incremento della forza lavoro del 10%.

 

 

Categorie: 4 Ruote

Peugeot - Per la 208 arriva la Black Line

4 Ruote - Lug 13,2018

La Peugeot presenta la 208 Black Line, una serie limitata di 1.200 esemplari riservata al mercato italiano che sarà proposta nelle versioni PureTech 82 e BlueHDi 75 con prezzi a partire da 16.400 euro.

Infotainment di ultima generazione e tinte speciali. La dotazione di serie include i cerchi di lega da 16" neri con inserti bianchi: lo stesso abbinamento cromatico è ripreso anche dalle calotte degli specchietti, dalla mascherina e dalle cornici dei fendinebbia. La Black Line offre anche i cristalli posteriori oscurati, il volante di pelle con inserti cromo-satinato e l'infotainment con Mirror Screen compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. La carrozzeria può essere scelta nelle tinte Grigio Hurricane, Bianco Banchisa, Rosso Rubino o Nero Perla.

 

Categorie: 4 Ruote

Lamborghini - Crescita a doppia cifra anche senza la Urus

4 Ruote - Lug 13,2018

Lamborghini mette a segno nel primo semestre un tasso di crescita delle vendite a doppia cifra anche senza il contributo della Suv Urus. La Casa del Toro, già capace di chiudere il 2017 con nuovi record storici, ha raggiunto il nuovo massimo di 2.327 vetture consegnate alla clientela di tutto il mondo nei primi sei mesi dellanno, registrando così una crescita dell'11%.

Consegne Urus al via solo a luglio. Le prime consegne della Urus, il modello destinato a raddoppiare vendite e dimensioni della Lamborghini, è previsto inizino a breve. Pertanto la crescita semestrale è stata ottenuta solo con la Huracán, passata da 1.400 a 1.604 consegne grazie alla Performante (qui la nostra prova), e alla Aventador, stabile sui livelli del primo semestre del 2017 con 673 unità vendute. Gli Stati Uniti si sono confermati il maggiore mercato, seguiti da Giappone e Regno Unito ma è l'Europa a registrare il miglior tasso di crescita con un +30% e con Italia, Regno Unito e Austria in testa alla classifica dei singoli Paesi.

Confermati obiettivi di crescita. "Lamborghini mostra un ottimo andamento anno dopo anno. Il raggiungimento di un nuovo record assoluto per il quarto semestre consecutivo conferma la forza del brand, dei prodotti e della strategia commerciale, ha affermato il presidente e amministratore delegato Stefano Domenicali. La Lamborghini, dopo aver completato il programma di investimenti per la produzione della Urus, parla inoltre di prospettive "solide e ampiamente positive" e quindi conferma le previsioni di crescita sostenuta per il 2018 e il 2019. "Dopo aver superato per la prima volta nel 2017 la soglia del miliardo di euro di fatturato e con le prime consegne del nostro Super Suv che iniziano in questi giorni, siamo pronti a entrare in una nuova dimensione, pur sempre garantendo l'esclusività del nostro marchio", ha sottolineato Domenicali.

 

Categorie: 4 Ruote

Jaguar - Consegnate a Waymo le prime I-Pace

4 Ruote - Lug 13,2018

La Jaguar ha consegnato a Waymo i primi esemplari della I-Pace. Le crossover elettriche saranno collaudate su strada e modificate per integrare tutti i sensori e l'hardware necessario per l'implementare la guida autonoma, come anticipato dalla concept svelata al Salone di New York. 

20.000 esemplari per la flotta autonomaWaymo ha stretto nel marzo scorso un accordo con il gruppo Jaguar Land Rover per acquistare fino a 20.000 esemplari della I-Pace per dar vita a una flotta di veicoli elettrici a guida autonoma a partire dal 2020, con un servizio premium che, secondo le stime, potrebbe generare fino a un milione di corse al giorno.

Categorie: 4 Ruote

Maserati - Ghibli, Quattroporte e Levante si aggiornano

4 Ruote - Lug 13,2018

Oltre alla Levante GTS la Maserati ha presentato al Goodwood Festival of Speed anche le versioni aggiornate delle Ghibli, Quattroporte e degli altri allestimenti della Suv. Con i my19 debuttano in gamma nuove dotazioni, come i fari Full Led opzionali della Levante, e alcuni aggiornamenti di carattere elettronico oltre a nuove finiture per gli interni e per la carrozzeria.

Cerchi fino a 22" e nuova leva del cambio. I tecnici della Maserati hanno riprogettato la leva del cambio automatico di questi tre modelli, riducendone la corsa e rendendo più intuitivo lo schema di cambiata. Spostando il comando a destra o a sinistra è possibile selezionare le modalità di cambiata manuale o automatica e sulla leva è stato posizionato il nuovo tasto dedicato alla modalità di parcheggio. Oltre a questo le tre vetture dispongono per la prima volta dei rivestimenti di pelle "Pieno Fiore" in tre colorazioni, disponibili a richiesta su tutti gli allestimenti fatta eccezione per la Levante Trofeo, dove saranno proposti di serie. Ghibli, Levante e Quattroporte condividono anche l'impianto di infotainment Maserati Touch Control Plus con touchscreen da 8,4" e doppio selettore rotativo: la grafica e le funzionalità del sistema multimediale sono state aggiornate, così come il sistema di climatizzazione i cui comandi sono ora più ergonomici. La regolazione del flusso d'aria è diventata più precisa e permette di selezionare zone diverse per il guidatore e il passeggero. Con il nuovo model year debuttano anche cerchi di lega dal design inedito con diametri da 20", 21": per la prima volta sulle Levante GTS e Trofeo sono disponibili anche cerchi d'alluminio forgiato da 22". Aggiornata, infine, anche la gamma cromatica di tutti i modelli: la Ghibli e la Levante dispongono di undici colorazioni, comprese le nuove Blu Nobile e Rosso Potente, mentre per la Quattroporte, la cui versione GTS GranSport dispone di calandra e minigonne ridisegnate, le tinte disponibili saranno dieci.

Categorie: 4 Ruote

Street Show Quattroruote - Vieni alla nostra grande festa dei motori

4 Ruote - Lug 13,2018

Milano, corso Buenos Aires, 16 settembre: Street Show Quattroruote, lappuntamento per tutti gli appassionati dellauto è fissato per una domenica di fine estate che si annuncia indimenticabile

Un sogno lungo un giorno. Le restrizioni dellArea C. Le strisce blu sempre più care. Gli agguati degli autovelox. Le ore perse in coda. Linquinamento. Lauto in città, purtroppo, si è trasformata in una preoccupazione. Domenica 16 settembre, invece, lauto in città si trasforma in un evento unico nel suo genere. E per una volta la chiusura al traffico di una strada non è contro le auto ma è per celebrarle.

Da ogni angolazione. Una delle arterie commerciali più lunghe dEuropa, corso Buenos Aires (pedonalizzata per l'occasione), diventa il luogo dove incontrare lauto come passione, emozione, curiosità. Si potranno scoprire le ultime novità o riscoprire i modelli che hanno fatto la storia. Ci sarà da capire che cosa ci aspetta nel futuro e verificare i passi in avanti già compiuti sul fronte, per esempio, della mobilità sostenibile. Si concederanno agli sguardi più curiosi supercar ed edizioni limitate, ma anche i modelli in livrea delle istituzioni. Allevento sono state chiamate a collaborare tutte le riviste motoristiche dellEditoriale Domus: Ruoteclassiche e TopGear, Due Ruote e XOffroad, Tuttotrasporti. Il risultato è una panoramica a 360 gradi che si allarga anche alle moto e ai veicoli commerciali. Per non parlare delle Case, delle aziende e degli enti che hanno creduto a questa idea.

Per tutte le età. Nel progettare Street Show abbiamo pensato a tutta la famiglia. Dai nonni ai nipotini. Ai primi è dedicata la zona Heritage. Ventuno tra le più belle auto classiche esposte saranno protagoniste anche di un concorso di eleganza. Per i più piccoli cè invece lArea Kids, dove potranno avere un primo approccio, giocoso, con lautomobile. E gli appassionati di tutte le età potranno anche divertirsi, in prima persona, magari partecipando a un minitorneo, oppure ammirando le gesta dei performer che abbiamo chiamato a raccolta. Come linglese Ruddy Muddy, che sa trasformare un veicolo impolverato in una fugace opera darte.

Save the date. Anche se non abitate a Milano, annotate il 16 settembre nella vostra agenda. Corso Buenos Aires è vicinissimo alla Stazione Centrale. E Street Show Quattroruote vi offre loccasione per una full immersion nelle vostre passioni diversa da ogni altra esperienza. 

 

Categorie: 4 Ruote

Honda CR-V - Al volante della 1.5 VTEC Turbo AWD

4 Ruote - Lug 13,2018

Linee rinnovate, filanti, sporgenti: tutte un guizzo insomma. la quinta generazione della Honda CR-V, attesa il prossimo autunno in Italia. Per guidarla siamo stati sulle strade che s'inerpicano sulle montagne del Tirolo. La grande Suv Honda, protagonosta di una nostra diretta Facebook che potete vedere qui sotto, nasce per offrire tanto confort e spazio per le famiglie in viaggio. Se cercate la sportività, queso modello non fa per voi; se invece preferite la guida rilassata, potete farci un pensiero.

Design rinnovato. Non avrà il fascino delle tedesche, ma non passa inosservata grazie al muso filante, scolpito e pronunciato (complice anche larretramento del parabrezza) e alle nervature che si allungano sulle fiancate e culminano al posteriore con gruppi ottici massicci e sporgenti (un mix tra la Civic e le Volvo di ultima generazione).

Per ora va solo a benzina. Al momento, lunico motore disponibile è il 1.5 turbo benzina abbinabile al cambio automatico CVT o al manuale a sei marce (unica possibilità per avere la sola trazione anteriore). Tra le due versioni ci sono 20 CV di differenza (193 CV con il CVT, 173 CV con il manuale) e devo dire che in marcia si sentono tutti. Il CVT è fluido, morbido nelle cambiate: solo quando si preme lacceleratore fino in fondo si avverte in modo netto il motore che sale al massimo dei giri prima di prendere velocità. Il cambio manuale, dalla leva corta, ha invece innesti piuttosto rapidi e precisi, ma la frizione stacca in alto. Risultato: la marcia si fa un po' meno piacevole. Lo sterzo ha un'impostazione turistica: è abbastanza preciso, ma anche un po leggero. Per quanto riguarda i consumi, nei percorsi di montagna affrontati (circa 60 km) la versione con il cambio manuale ha fatto registrare il risultato migliore con una media che sfiora i 15 km/l, contro i 13 km/l della versione automatica.

La ricerca della qualità. Salendo a bordo, la qualità percepita nellinsieme è alta. Assemblaggi precisi e buon livello dei materiali utilizzati: alle plastiche rigide si alternano quelle morbide e inserti a effetto legno. Il quadro strumenti ora è interamente digitale e le informazioni più importanti possono essere visualizzate anche sullhead-up display (optional). Al centro della plancia spicca poi un touch screen di ultima generazione: nessun comando fisico, fatta eccezione per la rotella di regolazione del volume. Alla pulizia dello schermo fa da contraltare lassembramento di comandi presenti sul volante: sono praticamente gli stessi della Civic, un po' troppi per i miei gusti. Al posto guida si viaggia comodi: buone le imbottiture e il contenimento e cè anche il supporto lombare. Per chi lo desidera, è disponibile pure la funzione di riscaldamento di sedile e volante.

Viaggiare sicuri. A dimostrazione del fatto che i giapponesi puntano molto sul confort e sulla sicurezza, fin dallallestimento base è previsto di serie il pacchetto Honda Sensing che include, tra laltro, lAdaptive cruise control, la segnalazione di superamento involontario di corsia, il mantenimento della carreggiata e il riconoscimento della segnaletica stradale.

Cè posto per tutti e tutto. Anche per chi siede dietro lo spazio non manca e in tre si viaggia comodi e senza troppe difficoltà, anche per i più alti: ci sono anche le bocchette dellaria e due prese Usb. La grande novità di questa nuova generazione, poi, è la possibilità di avere una terza fila di sedili: se si sceglie questa soluzione, la seconda fila diventa scorrevole e reclinabile per facilitare laccesso degli ultimi passeggeri.

Comodi in cinque. Anche lo spazio per i bagagli non manca: sulla versione a cinque posti le valigie di cinque passeggeri possono starci senza problemi, soprattutto se si tiene il piano di carico sul livello più basso, vicino alla ruota di scorta. Se invece si devono stivare oggetti lunghi (fino a 183 cm) e di grandi dimensioni, basta abbattere gli schienali della seconda fila e alzare al massimo il piano e si avrà un vano ben livellato e davvero ampio. Naturalmente se si viaggia in sette lo spazio diminuisce e al massimo si possono stivare due trolley delle dimensioni tipiche dei bagagli a mano. 

In concessionaria da ottobre, ibrida nel 2019. La CR-V debutterà sul mercato italiano il prossimo autunno e il listino partirà da 29.000 euro per la versione a due ruote motrici con cambio manuale. Quella full optional, la Executive Navi CVT con trazione integrale e 193 CV a disposizione, avrà invece un prezzo di partenza di 42.000 euro. atteso per linizio del 2019, invece, il debutto dellunità ibrida sviluppata interamente dagli ingegneri Honda con il sistema i-MMD (Intelligent Multi-Mode Drive) equipaggiato con un motore 2.0 benzina i-VTEC a ciclo Atkinson e due motori elettrici.

Categorie: 4 Ruote

McLaren Track25 - 18 nuove sportive entro il 2025

4 Ruote - Lug 13,2018

Il Goodwood Festival of Speed non è stato solo il palcoscenico per la presentazione della nuova McLaren 600LT: la Casa di Woking ha infatti svelato una versione rivista del piano industriale Track22, ribattezzata Track25. L'evoluzione strategica ha fissato un nuovo orizzonte temporale, il 2025, e obiettivi ancor più ambiziosi, come il raggiungimento di una produzione annua di 6.000 vetture con motore centrale.

Nuovi modelli e più tecnologia. Saranno 18 i nuovi modelli che la McLaren lancerà entro il 2025, andando ad ampliare notevolmente l'offerta così da incrementare del 75% i livelli di produzione. Tutte le 6.000 sportive che saranno prodotte annualmente entro la metà del prossimo decennio saranno assemblate a mano a Woking all'interno del McLaren Production Centre che, per il momento, rimarrà l'unico polo produttivo della Casa britannica. Tra le nuove vetture vi sarà anche spazio per l'erede della McLaren P1 e, oltre a puntare sulle performance e sul piacere di guida, i modelli del futuro disporranno di tecnologie estremamente avanzate. Tra queste vi saranno di sistemi di cyber protection e di tracking del veicolo oltre agli aggiornamenti software over-the-air che consentiranno ai clienti di non dover visitare le concessionarie del marchio per applicare le ultime novità tecnologiche alla propria vettura.

 

Elettrificazione globale. Entro i prossimi sette anni tutte le nuove McLaren saranno ibride: per questo parte degli 1,35 miliardi di euro che la Casa investirà saranno destinati allo sviluppo di nuove tecnologie d'elettrificazione. La McLaren punta infatti a creare un sistema elettrico particolarmente leggero e capace di coniugare performance elevate con tempi di ricarica estremamente rapidi. Inoltre, la futura elettrica a batteria di Woking avrà un'autonomia che le consentirà di correre in pista per 30 minuti consecutivi.

Corsa alla leggerezza. Tra gli obiettivi della Casa britannica c'è anche quello di vincere la cosiddetta "weight race", la corsa alla leggerezza con gli altri produttori di supercar. Nel nuovo McLaren Composites Technology Centre saranno così investiti 56 milioni di euro per lo sviluppo e la fabbricazione dei materiali che costituiranno le McLaren del futuro.

Categorie: 4 Ruote

Automobili Pininfarina - Nuovi dettagli della hypercar elettrica PF0

4 Ruote - Lug 13,2018

La Pininfarina ha scelto la cornice dell'Eprix di New York della formula E per diffondere nuovi dettagli sulla propria hypercar elettrica, la PF0. Sono stati diffusi infatti nuovi teaser ed è stato annunciato l'ingaggio di Nick Heidfield come collaudatore, con i primi test in programma nel 2019. La PF0 sarà la prima auto completa realizzata con il brand Automobili Pininfarina e sarà commercializzata entro la fine del 2020

I bozzetti svelano il design. Nei tre bozzetti ufficiali la Pininfarina ha mostrato le aggressive proporzioni della PF0, fornendo così un'anteprima del suo aspetto definitivo. L'abitacolo compatto in posizione avanzata, i parafanghi in grande evidenza e il frontale molto raccolto sono elementi caratterizzanti, così come le due linee Led che caratterizzano frontale e coda. L'aerodinamica è curata ma non sono presenti appendici a vista, quindi il lavoro è stato concentrato sui flussi e sulla parte inferiore della scocca, per il momento non visibile.

400 km/h a batteria. La PF0 offrirà prestazioni di livello assoluto: l'obiettivo è quello di toccare i 100 km/h da fermo in meno di 2 secondi, con una veocità massima di oltre 400 km/h e un'autonomia di circa 500 km. La vettura sarà prodotta in serie limitata, ma il numero di esemplari previsti e il prezzo non sono stati ancora resi noti. 

A Monterey l'anteprima privata. Durante la Monterey Car Week del prossimo agosto la Pininfarina organizzerà una serie di incontri privati con i futuri dealer del marchio e con i potenziali clienti per mostrare in anteprima la vettura e stringere partnership in vista dell'avvio della commercializzazione. Gli Stati Uniti, secondo le previsioni, rappresenteranno infatti il mercato più importante per la PF0 e per i futuri modelli che seguiranno.

 

 

 

Categorie: 4 Ruote

Trasportare gli animali - In vacanza con gli amici a quattro zampe

4 Ruote - Lug 13,2018

Cera una volta il classico trasportino, la valigetta aerata, morbida o rigida e disponibile in varie dimensioni. Era il sistema che permetteva di effettuare un viaggio con un gatto o un cane, ma anche un coniglio, una tartaruga o qualunque altro animale domestico, al seguito. Una sorta di cella male sopportata da alcuni, in particolare quando il viaggio da affrontare è piuttosto lungo, per i pochi spazi a disposizione che impediscono di cambiare posizione. Lalternativa più confortevole è naturalmente rappresentata dalla griglia divisoria che separa labitacolo dal vano bagagli, indispensabile per legge quando si trasporta un animale non saldamente ancorato. La possibilità di usufruire dellintero bagagliaio è la soluzione più indicata per gli amici a quattro zampe di dimensioni medio-grandi, e a questo proposito la scelta è ampia, con modelli rigidi o flessibili, nella maggior parte dei casi con intelaiature estensibili per favorire ladattamento alla totalità delle auto in circolazione.

Comodi a bordo. Trasportino e rete continuano a essere preferiti da molti automobilisti che affrontano lesodo estivo, tuttavia il mercato degli accessori propone ormai una lunga serie di oggetti il cui obiettivo è quello di favorire un viaggio molto più confortevole anche a cani e gatti. Si parte dai semplici teli da montare sul divano posteriore, oppure dalle vasche per proteggere il vano di carico, pensate per isolare la tappezzeria del veicolo da peli, unghie e bava. Nel caso si utilizzi un sedile posteriore, oltre al telo impermeabile bisogna mettere in preventivo lacquisto di una cintura di sicurezza specifica, da ancorare agli attacchi di serie dellauto. Una più attenta ricerca sul web permette di trovare anche soluzioni meno tradizionali, sempre allinsegna di un confort di prima classe. Come i trasportini più evoluti, imbottiti e che si fissano ai poggiatesta, o le cucce portatili divise in due parti, una superiore abitabile e una inferiore in grado di contenere, giochi, cibo e tutto quanto possa rendere meno noioso lesodo su quattro ruote. Compresa la scala pieghevole, che si può trasformare in una rampa, utile per favorire laccesso a bordo dei cani più pesanti e meno agili.

Viaggio al fresco. La lista si può ulteriormente allungare se si inseriscono quegli accessori indispensabili per combattere il caldo e lesposizione al sole, come le tendine parasole avvolgibili, i beverini a misura di auto, o i portapappa ripiegabili.

Categorie: 4 Ruote

Lotus Exige - Le Type 49 e 79 celebrano i 70 anni del marchio

4 Ruote - Lug 12,2018

La Lotus festeggia 70 anni di storia al Goodwood Festival of Speed presentando due esemplari unici realizzati dal reparto Lotus Exclusive: la Exige Type 49 e la Exige Type 79. Il richiamo alla Formula 1 è legato anche ai festeggiamenti per i 50 anni dal titolo della Lotus 49 con Graham Hill e per i 40 anni da quello conquistato dalla Lotus 79 con Mario Andretti.

Due one-off basate sulla Exige Cup 430. Il reparto Lotus Exclusive ha utilizzato come base per i due modelli unici la nuova Exige Cup 430, dotata del propulsore V6 3.5 da 430 CV e 440 Nm ed alleggerita fino a 1.056 kg grazie ai particolari di carbonio e al nuovo pacchetto aerodinamico che permette di raggiungere i 220 kg di downforce. La Type 49 è verniciata nella livrea Solid Red, mentre la Type 79 sfoggia il classico Motorsport Black: ambedue propongono le finiture Championship Gold a contrasto. Gli interni bicolore in Alcantara sono coordinati con la livrea esterna e rifiniti con alluminio e fibra di carbonio.

Categorie: 4 Ruote

Cadillac XT5 - Nuovi collaudi per il facelift

4 Ruote - Lug 12,2018

 tempo di restyling anche per la Cadillac XT5, avvistata in Europa durante una serie di collaudi. La Suv americana del Gruppo GM è destinata a evolversi a livello stilistico prendendo spunto dalla innovativa e inedita sorella minore presentata recentemente, la XT4.

La nuova mascherina ispirata alla Escala. La XT5, disponibile anche in Europa e in Italia dal 2016, è stata fotografata in una versione che adotta pellicole sui paraurti anteriori e posteriori. I gruppi ottici sono totalmente scoperti e non mostrano differenze apprezzabili, mentre la protezione scura sulle prese d'aria e la mascherina frontale sembra voler proteggere la zona dove si dovrebbero concentrare le novità più importanti. Sulla XT4 è infatti stata adottata una griglia più larga e priva delle cromature orizzontali, anticipata a suo tempo dalla Escala Concept.

Nuove scelte per i powertrain. In parallelo con l'aggiornamento estetico, è possibile che la XT5 sia anche dotata di nuove opzioni per il powetrain. Il modello attuale offre soltanto il V6 3.6 aspirato, ma in futuro potrebbero essere previsti maggiori opzioni, tra cui la versione ibrida e quella quattro cilindri turbo già offerte sul mercato cinese.

Categorie: 4 Ruote

Toyota Supra - La sportiva debutta sulla salita di Goodwood

4 Ruote - Lug 12,2018

Come anticipato la Toyota ha portato al Goodwood Festival of Speed un prototipo di pre-produzione della nuova Supra. La coupé sportiva è stata così mostrata per la prima volta al pubblico in veste definitiva: nonostante le camuffature le principali linee della carrozzeria si possono già intuire, così come alcune delle venature che caratterizzeranno il cofano motore e i dettagli aerodinamici della coda, oltre alla particolare conformazione delle portiere.

Sempre in pista. Per tutte le quattro giornate della manifestazione (12-15 luglio) la Supra si esibirà sulla salita di Goodwood guidata dal suo "papà". Al volante della sportiva vi sarà infatti Tetsuya Tada, Chief Engineer della Toyota e leader del progetto, che si alternerà con Herwig Daenens, uno dei piloti che ha guidato il team di sviluppo della nuova generazione dell'icona giapponese.

Sei in linea. Confermando i dettagli già diramati in occasione del Salone di Ginevra dello scorso marzo, la Toyota ha ribadito la presenza di un motore sei cilindri in linea montato anteriormente e abbinato alla trazione posteriore. Il telaio e la meccanica della sportiva, infatti, saranno condivisi con quelli della nuova generazione della BMW Z4.

Categorie: 4 Ruote

Bentley - Una Mulsanne speciale per il centenario

4 Ruote - Lug 12,2018

La Bentley presenterà alla Monterey Car Week in programma ad agosto negli Stati Uniti la Mulsanne W.O. Edition By Mulliner. Si tratta di una serie speciale di 100 esemplari nati per festeggiare l'imminente traguardo dei 100 anni di attività del prestigioso marchio inglese che sarà raggiunto nel 2019.

Un pezzo della 8 litri del 1930 a bordo della nuova Mulsanne. Le iniziali nella sigla della vettura fanno riferimento al fondatore della Casa, Walter Owen Bentley, e per rimarcare il legame con la storia ognuno dei 100 esemplari della nuova Mulsanne porterà con sé un vero e proprio "pezzo di storia", come una reliquia, ovvero un frammento dell'albero a gomiti della Bentley personale di W.O. targata GK 706, esposto dietro a un vetro nel bracciolo centrale posteriore. Il pezzo è stato recuperato dal propulsore 8 litri, restaurato dalla stessa Bentley dopo aver ricomprato la vettura nel 2006 per la propria collezione.

Ambiente esclusivo. L'allestimento W.O. Edition by Mulliner sarò disponibile in combinazione con le tre motorizzazioni della Mulsanne e in qualunque colore esterno, anche se per il modello delle foto ufficiali è stato scelto il classico Onyx. Tra i dettagli unici della vettura troviamo i cerchi in lega di tinta Beluga Black, le finiture esterne cromate e la speciale console posteriore con decorazione personalizzata realizzata in legno e metallo e un frigo bar. Sulla plancia è invece presente la riproduzione della firma di Walter Owner Bentley. Gli interni sono rivestiti di pelle bicolore Fireglow Heritage e Fireglow Hide, con finiture Beluga Black e legni Dark Stain Burr Walnut.



Categorie: 4 Ruote

Ford Mustang GT - La Eagle Squadron arriva a 700 CV per beneficenza

4 Ruote - Lug 12,2018

La Ford partecipa al Festival of Speed di Goodwood presentando un esemplare unico della Mustang. La Eagle Squadron Mustang GT celebra i 100 anni della Royal Air Force ed è stata realizzata con una livrea unica e una serie di modifiche tecniche ideate dal reparto Ford Performance insieme al campione di drifting Vaughn Gittin Jr. Quest'ultimo è accompagnato in Inghilterra dal veterano Paul Miller, figlio di uno dei piloti dell'Eagle Squadron americano che affiancò la Royal Air Force durante la seconda guerra mondiale.

700 CV ed una personalizzazione unica. Questa Mustang GT è dotata del kit estetico RTR, delle grafiche ispirate agli Spitfire da combattimento, dell'assetto modificato RTR Tactical Performance con sistema MagneRide integrato e del propulsore V8 5.0 modificato con l'adozione del kit Ford Performance con compressore volumetrico che permette di raggiungere una potenza massima di 700 CV. Il cambio è quello manuale sei marce Tremec con kit short shifter e differenziale autobloccante heavy duty. I cerchi di lega forgiati da 20 pollici scomponibili sono equipaggiati con pneumatici Nitto NT555 nelle misure 285/30 e 305/30.

La Mustang sarà battuta all'asta per beneficenza. La vettura sarà portata in gara a Goodwood da Vaughn Gittin Jr. ed il prossimo 26 luglio sarà battuta all'asta per beneficenza alla manifestazione The Gathering in programma Oshkosh, in Wisconsin: tutti i proventi saranno devoluti all' Experimental Aircraft Association per i programmi di educazione dei giovani. Ford festeggia così 20 anni di collaborazione con questa associazione, per la quale ha già raccolto oltre 3 milioni di dollari. Colui che si aggiudicherà la vettura sarà anche invitato nel mese di agosto all'evento Ford Woodward Dream Cruise a Detroit, durante il quale avverrà anche la consegna.

Categorie: 4 Ruote

Formula E - A New York il gran finale di stagione

4 Ruote - Lug 12,2018

La Formula E si appresta a vivere un gran finale di stagione, questo weekend, con lePrix di New York. Le venti monoposto del campionato full electric si daranno battaglia in pista sul tortuoso circuito di Brooklyn che incoronerà anche il vincitore del 2018.

Il circuito. Lungo 2,73 chilometri, s snoda su 14 curve da percorrere in senso orario. Rispetto al layout della scorsa stagione, sono state effettuate delle modifiche migliorative sulla base dei feedback ottenuti dai piloti. Adesso la linea di partenza è stata spostata nella zona del molo, allaltezza del terminal delle navi, mentre prima era situata a Brownie Street. Ulteriori modifiche sono state effettuate alla chicane di curva 2-3, che adesso è resa decisamente più scorrevole ma dove bisognerà fare ugualmente molta attenzione ai cordoli alti, dove si rischia di scomporre molto la vettura o addirittura fare dei danni. Quello di Brooklyn è un tracciato ideale per le vetture elettriche: i rettilinei sono corti basti pensare che il più lungo si attesa su 400 metri circa e le staccate molto intense, permettendo così un sostanziale recupero energetico nella fase di frenata.

Sfida finale tra Vergne e Bird. Quello di New York sarà un ePrix particolarmente ricco di emozioni. Prima di tutto, segnerà il traguardo per la prima generazione di vetture di Formula E e lapertura di una nuova era per la categoria, che dalla prossima stagione avrà tante novità. E poi assegnerà i due titoli, piloti e costruttori. Jean-Eric Vergne ha un vantaggio di 23 punti su Sam Bird: se il francese chiuderà gara 1 con 30 punti di vantaggio in classifica sul suo avversario, i giochi per il titolo si chiuderanno già sabato. Amo New York, la città che non dorme mai, ha detto Vergne. Il nostro approccio resterà quello di sempre. Arriviamo qui con pensieri positivi e vogliamo portare a casa entrambi i titoli. Infatti, se da un lato Vergne è a un passo dalla conquista del campionato piloti, la sua squadra la cinese Techeetah potrebbe vincere il campionato costruttori. Nella lotta però è tornata di prepotenza lAudi, che è seconda con soli 33 punti di svantaggio e potrebbe ribaltare il risultato finale se le prestazioni risultassero simili a quelle viste nelle ultime corse.

ePrix di New York in tv. Il doppio appuntamento a Brooklyn si correrà questo weekend. Ecco gli orari italiani per seguire l'evento in tv su Eurosport e sulle reti Mediaset.

sabato 14 luglio 2018

Qualifiche | dalle 17.30 in diretta su Eurosport e Italia 2

Gara | dalle 21:30 sin diretta su Eurosport e Italia 2. Dalle 23.30 differita su Italia 1

domenica 15 luglio 2018

Qualifiche | dalle 17 in diretta su Eurosport e Italia 2

Gara | dalle 21 in Diretta su Eurosport e Italia 2. Dalle 23.30 differita su Italia 1

Categorie: 4 Ruote

Alpine - Viaggio nella fabbrica della A110

4 Ruote - Lug 12,2018

Dieppe, un luogo mitologico per i motori. Qui, nel 1946, Jean Rédelé diviene a soli 24 anni il più giovane concessionario di Francia, prendendo le redini dell'azienda del padre Emile, legata al marchio Renault. Fermamente convinto dell'importanza del motorsport nel successo commerciale di una vettura, a 28 anni inizia a partecipare alle competizioni, vincendo tempo dopo il primo Rally di Dieppe con una 4CV. Così, questo giovane dalle grandi ambizioni che nel frattempo ha commisionato al torinese Giovanni Michelotti il progetto di una 4CV Spéciale Sport, ben più aerodinamica del modello da cui deriva inizia a collezionare una lunga serie di vittorie . E in omaggio a una di queste, quella ottenuta alla Coupe des Alpes del 1954, fonda la "Societé des Automobiles Alpine" il 25 giugno del 1955, dando il via a un marchio leggendario, tornato di recente alla ribalta con la A110 del terzo millennio.

La fabbrica del mito. Per lo storico stabilimento Alpine bisognerà attendere il 1969, quando le vecchie officine di Redelé si trasferiscono nell'attuale Usine Dieppe, fiore all'occhiello della produzione sportiva del Gruppo Renault. Del resto, il marchio Alpine è da sempre legato a doppio filo con la Régie: dalla 4CV per la A106 alla Renault 8 per la A110, sono i modelli della Casa francese a fornire la meccanica per le sportive del marchio. Ed è proprio nell'anno in cui si celebra la storica tripletta della A110 al Rallye Monte-Carlo e la vittoria alla prima edizione della Campionato del Mondo Rally, che la Renault acquisisce il controllo della Casa.

Le Renault di Dieppe. Se la produzione delle Alpine, prima del recente rilancio, terminerà nel 1995, quella delle sportive con marchio Renault proseguirà fino ai giorni nostri. Già nello stesso anno, infatti, viene presentata al Salone di Ginevra la Spider, una barchetta a 2 posti con cui la Losanga lancia la sfida alle varie Lotus e Caterham. Nel 1997 viene avviata in Normandia la produzione della Mégane Cabriolet e l'Usine Dieppe diventa inoltre il fulcro della "Renault Sport Technologies", la divisione ad alte prestazioni della Casa: qui nasceranno infatti modelli come la Clio Renault Sport del 2000, la Clio V6 del 2003, ma anche le varie Clio Cup, fino all'attuale Clio RS. Modelli sportivi, dunque, e non solo: a partire dal 2015, a Dieppe viene prodotta anche l'elettrica Bluecar, a seguito di un accordo tra la Losanga e il gruppo Bolloré.

Il rilancio. E con l'Alpine A110 del terzo millennio dotata dello stesso 1.8 L sovralimentato della poderosa Mégane RS, in grado di erogare sulla coupé di Dieppe 252 CV a 6.000 giri con 320 Nm di coppia e abbinato a un cambio a doppia frizione Getrag a sette marce lo stabilimento normanno torna ai fasti di un tempo, grazie ad un investimento di 35 milioni di euro, di cui 12,7 destinati al reparto verniciatura, 5,2 al rinnovo del sito, 10,7 alla lavorazione delle lamiere e 7,7 al montaggio. Particolare attenzione, come abbiamo potuto appurare nel corso della nostra visita del sito, è stata data alla qualità e alla finitura del prodotto, secondo specifici standard da categoria premium. La verniciatura, per esempio, è  oggetto di un'attenzione quasi maniacale nel rispettivo reparto e il prodotto finito è a lungo sottoposto ad accurati controlli in un'apposita lightroom per assicurare che la tonalità della vernice magari del Blue Alpine, la reinterpretazione moderna dello storico blu del marchio sia esattamente quella voluta.

L'occupazione e il prodotto. I nuovi investimenti, inoltre, hanno comportato benefici sotto il profilo occupazionale, con un aumento della forza lavoro del 60% negli ultimi due anni, grazie a 151 nuove assunzioni che attestano ora i lavoratori dipendenti a 392 unità, il 15% dei quali donne, mentre l'età media è di circa 43 anni. Attualmente, in quest'area produttiva di 7,6 ettari, di cui 3,4 di strutture coperte, vengono realizzati ogni giorno 25 esemplari della Renault Clio IV RS e 15 dell'Alpine A110 che, in fondo, può considerarsi anche un po' italiana: il telaio in alluminio è prodotto in Italia dalla Cecomp presso lo stabilimento di Piobesi Torinese, e provengono dal Belpaese anche i sedili Sabelt e i dischi dei freni.

Le nuove Alpine. La linea produttiva dell'Usine Dieppe può ora dare esecuzione anche agli ordini delle nuove versioni della Alpine A110, ovvero la Pure e la Légende, entrambe già presentate al Salone di Ginevra. Se la prima si caratterizza per un allestimento pensato per enfatizzare il piacere di guida, peraltro con una riduzione di peso pari a 13,1 kg, la versione Légende è al contrario pensata per un più confortevole uso quotidiano, pur non rinunciando alla sua impronta sportiva. La Pure è dotata di specifici sedili monoscocca Sabelt rivestiti in pelle-microfibra, abitacolo in carbonio, cerchi di lega da 17" (in opzione da 18"), oltre che del selettore di guida con tre impostazioni (Normal, Sport e Race) e il sistema di infotainment con navigatore satellitare e screen mirroring, presenti anche sulla Légende, così come i proiettori anteriori e posteriori con tecnologia led. Al contempo, la citata Légende è dotata di cerchi di lega bicolore da 18, sedili Sabelt di pelle nera o marrone regolabili a 6 vie, nonché sensori di parcheggio anteriori e posteriori con telecamere per le manovre. Con larrivo delle nuove versioni, inoltre, debuttano i colori Blanc Irise, Bleu Abysse e Gris Tonnerre.

 

 

Categorie: 4 Ruote

BMW M2 - Svelata la M Performance Parts Concept

4 Ruote - Lug 12,2018

La BMW ha realizzato per il Festival of Speed di Goodwood la M2 M Performance Parts Concept. L'intento è quello di mostrare le potenzialità della propria linea di accessori ufficiali, aggiungendo ulteriori tocchi unici per creare un esemplare celebrativo. L'insieme degli interventi, grazie all'ampio uso della fibra di carbonio, ha permesso di ridurre di 60 kg la massa totale, aumentando allo stesso tempo la downforce per offrire maggiore grip in curva.

Nero e oro, tanto carbonio per ridurre il peso. La M2 M Performance Parts Concept è stata verniciata nella tinta Frozen Black con grafiche Gold, mentre i cerchi di lega forgiati da 19" propongono la finitura Frozen Gold e permettono di ridurre il peso di 6 kg totali rispetto alle unità standard. La fibra di carbonio è stata utilizzata per il doppio rene anteriore, per il cofano motore, per gli splitter anteriori, per le minigonne con appendici aerodinamiche integrate, per il cofano posteriore, per il labbro aerodinamico del portellone e per il diffusore posteriore. Tutti questi componenti, disponibili entro breve tempo a listino anche per la nuova M2 Competition, contribuiscono a ridurre in maniera importante la massa della coupé, inoltre è prevista l'adozione di una batteria alleggerita che da sola "taglia" 14 kg.

Sedili di carbonio e finiture d'Alcantara. Gli interni sono caratterizzati dalle finiture di fibra di carbonio e Alcantara. Sono presenti nuovi sedili a guscio con finiture gold a contrasto, più leggeri di 9 kg rispetto ai sedili sportivi standard: il divano posteriore semplificato permette di tagliare altri 13 kg. Il volante propone il rivestimento di pelle ed Alcantara ed il marker giallo sulla corona, mentre la stessa finitura viene riproposta anche per la leva del freno a mano.

Assetto completamente regolabile. La BMW ha scelto di non modificare il propulsore della M2, concentrando invece la propria attenzione sull'assetto. Le nuove sospensioni coilover riducono l'altezza di 20 mm e propongono 12 regolazioni in compressione e 16 regolazioni in estensione, permettendo così ai clienti di trovare il setup ottimale in ogni condizione. L'impianto frenante sportivo, infine, è personalizzato con pinze di colore nero. 

Categorie: 4 Ruote

Gruppo BMW - Nel semestre vendite su dell'1,8%

4 Ruote - Lug 12,2018

Il Gruppo BMW ha chiuso il primo semestre con un 1.242.507 veicoli dei suoi tre brand venduti in tutto il mondo e una crescita dell'1,8%. Solo a giugno sono 238.920 le vetture commercializzate, il 2,7% in più rispetto allo stesso mese dell'anno scorso.

Cresce il brand dell'Elica, scende la Mini. Sul fronte dei singoli marchi, la BMW ha visto le vendite mensili attestarsi a 200.610 unità e crescere così del 4% e quelle semestrali rallentare a 1.059.296 (+2%). La Mini, invece, ha subito un calo del 3,8% con 37.955 veicoli commercializzati. Il primo semestre della Casa britannica è stato comunque chiuso con performance sostanzialmente stabili: +0,1% e 181.430 vendite. In grade spolvero la Rolls-Royce con un +16,8% mensile (355 esemplari venduti) e un +13,1% semestrale (1.781), grazie in particolare alla Phantom. La nuovissima Suv Cullinan non ha contributo all'andamento commerciale del marchio inglese, ma a Monaco di Baviera parlano di ordini "forti". Infine dal punto di vista geografico, le performance mensili del gruppo sono state sostenute dall'Europa con un +5,9% in scia al +10,9% della Germania e al +16,8% del Regno Unito e dall'America Latina con un +7%. Male l'Asia, con un calo dello 0,8% nonostante il +0,7% registrato in Cina; in leggera crescita il mercato Usa (+0,5%).

Oltre otto anni di crescita. "Con le solide performance commerciali di giugno abbiamo raggiunto 35 trimestri consecutivi di crescita. Siamo fiduciosi che questa tendenza continui", ha commentato il responsabile vendite, Pieter Nota. "Con la produzione della BMW X3 in Cina e in Sudafrica, saremo in grado di soddisfare la forte domanda dei nostri famosi modelli X e il secondo semestre dovrebbe essere sempre più positivo. Sono anche lieto della continua popolarità dei nostri veicoli elettrificati, che hanno raggiunto il loro miglior mese in assoluto a giugno, il che ci mantiene sulla buona strada per raggiungere le oltre 140.000 vendite per le vetture elettrificate entro la fine dell'anno", ha sottolineato Nota.

Ancora boom per le elettrificate. Infatti la gamma di modelli BMW i, BMW iPerformance e Mini Electric sta continuando a registrare tassi di crescita a doppia cifra. A giugno le vendite si sono attestate a 13.806 veicoli, con un miglioramento del 47,6%, mentre nei primi sei mesi dell'anno sono arrivate a 60.660 (+42,5%). "Possiamo vedere quanto i clienti rispondano nei mercati in cui l'elettromobilità è supportata da una serie di misure. Tre quarti dei veicoli che vendiamo in Norvegia sono elettrificati, mentre una BMW Serie 5 su tre consegnata in California è ora ibrida plug-in", ha aggiunto Nota. Inoltre, con il lancio della Serie 5 plug-in in Cina, le vendite della gamma elettrificata nel maggior mercato del gruppo sono quintuplicate nel semestre, fino a ragiungere le 6.295 unità. Tassi di crescita a doppia cifra sono stati registrati anche negli Stati Uniti (12.015 unità e +51,3%) e nel Regno Unito (8.823 e +41,4%).

Categorie: 4 Ruote

Ford - Al volante della EcoSport 1.5 TDCI AWD

4 Ruote - Lug 12,2018

Prima vestiva da Suv, ma era disponibile soltanto con due ruote motrici, adesso lEcoSport ha lineamenti da crossover ispirati a quelli delle più grosse Kuga ed Edge e accoglie nella famiglia anche una versione a trazione integrale. Questa compatta della Ford non ha laspirazione di rivolgersi a chi vuole affrontare duri percorsi off-road, ma quella di soddisfare chi cerca una compatta "ruote alte" adatta a disimpegnarsi con una certa disinvoltura sulle strade bianche, siano esse sterrate o coperte dalla neve.

Si fa in 4 grazie a tante novità. La 1.5 TDCI AWD è originata dallincontro anche fra primizie assolute per casa Ford. Ed è questo il caso dellinterpretazione più estrema del recentissimo turbodiesel di 1.5 litri, che mette a disposizione 125 CV insieme a una coppia di 300 Nm a 1.750 giri. Inoltre, la nuova versione porta nei ranghi dellEcoSport le sospensioni posteriori multilink al posto di quelle ad assale di torsione e, ovviamente, le quattro ruote motrici. La trazione integrale è la stessa impiegata dalle altre Suv dellOvale Blu. gestita dallelettronica e chiama in causa il retrotreno solo quando variano le condizioni di marcia e del fondo stradale, arrivando a ripartire la motricità in soli 20 millisecondi sino al 50% sui due assali quando la situazione lo richiede.

 

Ha un bel carattere. Lincontro tra il nuovo turbodiesel e la trazione integrale dà buoni frutti. Il rendimento di questa nuova unità, che per la cronaca entra nella famiglia dellEcoSport anche nella declinazione da 100 CV anchessa in regola con le norme Euro 6.2, è positivamente influenzato dalla prontezza di risposta ai bassi regimi e dalla verve che manifesta da 1.500 a poco meno di 4.000 giri. In definitiva, grazie anche alla corretta spaziatura del cambio a sei marce, sfodera un temperamento piuttosto vivace e dimostra di avere numeri giusti per sposarsi tanto con il peso non proprio piuma di questa EcoSport (1.520 kg) quanto con le richieste energetiche del 4x4.

Versatile e confortevole. Come anticipato, la trazione integrale non imprime allEcoSport la capacità di affrontare situazioni off-road impegnative, anche per via dellaltezza da terra modesta, ma rende agevole sconfinare dallasfalto anche in presenza di marcate pendenze e affrontare in maniera rassicurante i tratti a bassa aderenza. Su strada, lEcoSport AWD ST-Line (quindi con assetto tarato in maniera un po più rigorosa rispetto a quello delle altre versioni) non risente più di tanto del rollio, si rivela piuttosto agile ed è gradevole da guidare. Inoltre, assicura un buon confort sia perché le sospensioni assorbono adeguatamente le asperità del fondo stradale sia perché il nuovo turbodiesel Ford si esprime sempre sommessamente.

Molte declinazioni, tutte in promozione. LEcosport AWD è offerta nelle versioni Plus, Titanium e ST-Line a prezzi di 24.000, 26.250 e 28.500 euro. Tuttavia, una promozione in fase di lancio rimodula il listino in maniera consistente. Infatti, abbassa a 19.500 euro il prezzo della variante entry-level, a 21.250 euro quello della proposta intermedia e a 23.500 euro quello della top di gamma.

 

Categorie: 4 Ruote