Gruppo Fca - A fine settembre la nuova organizzazione di Manley

4 Ruote - Set 07,2018

Finora, Mike Manley, nuovo ceo del gruppo FCA dopo la scomparsa improvvisa di Sergio Marchionne, ha parlato ben poco delle sue intenzioni come numero uno operativo del gruppo FCA, ma tra poche settimane rivelerà le sue decisioni, tra cui, probabilmente, latteso successore di Alfredo Altavilla alla guida dellarea Emea. "Mike Manley ha lavorato con il suo team nelle ultime settimane e a fine settembre annuncerà la nuova organizzazione", ha spiegato John Elkann, presidente del gruppo e della controllante Exor, in occasione dell'assemblea dei soci convocata ad Amsterdam per ratificare la nomina del manager inglese quale nuovo amministratore delegato. 

Manley garantirà la continuità. L'assemblea, che ha approvato la nomina di Manley con il voto favorevole della maggioranza quasi assoluta dei soci votanti, è stata l'occasione per Elkann di tornare sui motivi alla base della scelta del nuovo ad. "Dopo 14 anni di leadership, Sergio Marchionne è scomparso improvvisamente; il consiglio di amministrazione della FCA, una volta appresa l'impossibilità del suo rientro, ha quindi deciso di deliberare la nomina di Mike Manley, uno dei candidati al ruolo, per assicurare continuità operativa", ha argomentato il nipote dell'Avvocato Agnelli, sottolineando come la scelta fosse legata al "processo di successione che era già iniziato ed era stato condiviso con lo stesso Marchionne". "Mike Manley", ha aggiunto Elkann, "ha reso Jeep molto profittevole e ha riposizionato Ram. L'ex ad Sergio Marchionne ha fatto diventare la società forte e indipendente e Manley continuerà in questa direzione. Il futuro è da costruire, ma il sentiero è già tracciato". 

Un futuro all'altezza del passato per la Ferrari. Dopo l'assemblea di FCA, è stata la volta dei soci della Ferrari riunirsi per approvare la nomina del nuovo numero uno operativo della Casa di Maranello, in sostituzione sempre di Sergio Marchionne. Anche in questo caso il via libera a Louis Camilleri è arrivato a maggioranza quasi assoluta ed Elkann, che ha assunto il ruolo di presidente, ha spiegato le ragioni della scelta del manager di origini maltesi. "Abbiamo scelto Louis Camilleri perché è una persona di grande talento ed esperienza", ha dichiarato Elkann. "Siamo fortunati ad averlo, perché è un uomo di business straordinario, ha ottenuto numerosi successi alla guida di organizzazioni complesse; conosce la Formula 1 e siamo sicuri che la Ferrari avrà un nuovo leader. Siamo grati che abbia accettato l'incarico in un momento drammatico. Nelle ultime sei settimane ha lavorato in modo intenso e con passione al capital markets day del 18 settembre prossimo". "Ho accettato con onore la presidenza di Ferrari", ha poi aggiunto Elkann. "La priorità è portare avanti lo spirito del fondatore, Enzo. Quello della Ferrari è uno spirito di squadra. Siamo un team con un passato glorioso e abbiamo avuto la fortuna, con Sergio Marchionne, di arrivare a essere una società indipendente, con un grandissimo futuro da costruire. Questa è la responsabilità che ho assunto: di assicurare che la Ferrari continui a essere all'altezza del passato".  

Categorie: 4 Ruote

Immatricolazioni Ue - Ad agosto la crescita è stata superiore al 26%

4 Ruote - Set 07,2018

Il mercato automobilistico dell'Europa Occidentale ha registrato una crescita di oltre il 26% per effetto della forte spinta delle campagne promosse dalle concessionarie e dalle Case per smaltire lo stock di auto non conformi alle nuove procedure di omologazione Wltp (Worldwide harmonized light vehicles test procedure). quanto emerge dalle elaborazioni condotte dalle società IHS e LMC sulla base di dati finora pubblicati nei singoli Paesi dell'area. Quelli ufficiali saranno, invece, diffusi dall'Acea, l'associazione europea delle case automobilistiche, il prossimo 19 settembre.

Per IHS crescita del 26,3%. Nello specifico, la IHS ha quantificato la crescita delle immatricolazioni nel 26,3% con 1.013.851 registrazioni nel mese di agosto, per un risultato dei primi otto mesi dell'anno in miglioramento del 4,8% a 10.139.565 unità. Inoltre, la società di analisi ha indicato in 18,364 milioni di veicoli il cosiddetto Saar (Seasonally adjusted annual rate), in pratica il risultato annuale previsto sulla base di tassi di espansione o contrazione registrati in un singolo mese. Si tratta di un valore record, che però non può essere indicativo del reale andamento del mercato a causa dell'effetto distorsivo prodotto dal Wltp. Infatti, la IHS ritiene impossibile un prosieguo nei prossimi mesi delle performance di agosto e, anzi, prevede un rallentamento del mercato. Per l'intero 2018 continua infatti a indicare una crescita ridotta all'1,1% con 14,5 milioni di veicoli leggeri immatricolati e per l'anno prossimo mette già in preventivo un calo delle registrazioni.

Per LMC mercato a +26,6%. Le stime della LMC non si discostano di molto. Le immatricolazioni mensili sono stimate in crescita del 26,6% a 1.015.144 unità grazie agli "effetti una tantum legati al cambiamento delle normative sulle emissioni Wltp" e quelle dei primi otto mesi dell'anno in aumento del 4,9% con 10.139.185 registrazioni. Il tasso di vendita Saar, sottolinea la LMC, è "salito al massimo storico di 18,4 milioni di unità l'anno per il mese scorso, dai 14,7 milioni di luglio, ma non si dovrebbe fare troppo affidamento a questo dato a causa delle circostanze uniche che interessano attualmente le vendite nell'Europa occidentale". Dunque è necessario aspettare i prossimi mesi per verificare l'impatto delle nuove procedure di omologazione. "Dal primo settembre, il nuovo e più severo regime di test Wltp deve essere utilizzato per tutte le nuove auto nella Ue, e solo un numero limitato di vetture testate con il vecchio sistema Nedc potrà essere venduto dopo questa data. Pertanto, nel mese di agosto, vi sono stati un forte incentivo alle auto-immatricolazioni dei veicoli e notevoli sconti da parte dei concessionari, mentre la clientela più esperta potrebbe aver effettuato gli acquisti per anticipare l'applicazione di imposte più elevate nel caso siano collegate alle emissioni di CO2", affermano gli esperti della LMC, prevedendo un calo delle immatricolazioni soprattutto in autunno e una chiusura d'anno con una crescita dell'1,5%.

Effetto Wltp maggiore in Francia e Spagna. Le nuove procedure europee, per entrambe le società di analisi, hanno prodotto un maggior impatto in Francia e in Spagna. Il mercato transalpino ha chiuso il mese con una crescita del 40%, mentre quello iberico ha riscontrato un aumento del 48,7%. In Germania l'incremento è stato inferiore, del 24,7%, ma, a causa della dimensione del mercato, ha determinato un maggior effetto sul tasso di crescita Saar dell'intera Europa Occidentale. In Regno Unito e in Italia hanno prevalso, invece, fattori stagionali (agosto è tipicamente un mese poco indicativo nei due Paesi) o questioni fiscali. Al di là della Manica la crescita è stata del 23,1%, ma la base di confronto (agosto 2017) era particolarmente bassa, mentre il mercato italiano è migliorato solo del 9,5%. La LMC ritiene infatti che il modesto incremento rispetto agli altri Paesi sia legato "al fatto che il regime fiscale in Italia non è legato alle emissioni di CO2 e che pertanto le nuove procedure Wltp abbiano prodotto solo un effetto limitato sul mercato italiano.

Categorie: 4 Ruote

Opportunità per i giovani - Autostar seleziona candidati per la sua Academy

4 Ruote - Set 07,2018

 

Autostar, gruppo di concessionarie che opera tra Veneto e Friuli-Venezia Giulia con 12 sedi, rinnova il suo impegno nel mondo del lavoro lanciando l'edizione 2018 della sua Sales Academy, un corso di formazione nato nel 2015 con lo scopo di selezionare e formare professionalità nel settore della vendita da inserire nei propri organici.

Formazione sul campo. Dopo la prima fase di reclutamento, i candidati saranno sottoposti a colloqui psicoattitudinali. Tutti coloro che supereranno la selezione saranno ammessi al programma di formazione, che prevede cinque settimane di teoria e di prove pratiche in aula. In seguito avverrà la vera e propria presa di contatto con la realtà: affiancati da un tutor, i giovani potranno toccare con mano la quotidianità operando in una concessionaria del gruppo. Del resto, lo stimolo derivato dall'alternanza di lezioni teoriche ed esperienze pratiche sul campo è uno dei pilastri della Sales Academy. Per questa edizione, che partirà alla fine di settembre, sono disponibili ancora posti e i giovani che volessero cimentarsi con questa opportunità possono inviare la loro candidatura attraverso il sito dell'Academy.

 

Categorie: 4 Ruote

BMW X2 M35i - La Suv compatta mette i muscoli

4 Ruote - Set 07,2018

La BMW presenta la nuova versione sportiva della propria Sport Activity Coupè: si tratta della X2 M35i, che entra a far parte della gamma M Performance. La produzione sarà avviata a partire da novembre, con debutto sul mercato europeo previsto nel mese di marzo del 2019.

2.0 turbo da 306 CV. Contrariamente a quanto accaduto in passato, la sigla 35i non indica la presenza del sei cilindri ma identifica un'inedita versione da 306 CV e 450 Nm del quattro cilindri 2.0 TwinPower turbobenzina, abbinato di serie al cambio automatico otto marce Steptronic con software dedicato e alla trazione integrale xDrive. Grazie al Launch Control la X3 M35i è capace di toccare i 100 km/h da fermo in 4,9 secondi, mentre il consumo medio è pari a 8,1-8,4 l/100 km con 185-191 g/km di CO2 (dati Wltp ricalcolati secondo il ciclo Nedc), secondo i dati preliminari.

Assetto a controllo elettronico a richiesta. Per gestire al meglio la potenza a disposizione la vettura è dotata di un nuovo sistema di raffreddamento e dell'assetto M Sport, mentre in opzione sono disponibili gli ammortizzatori a controllo elettronico con due setup selezionabili. Per la prima volta è inoltre previsto il differenziale autobloccante M Sport sull'asse anteriore. Inoltre, l'impianto frenante maggiorato utilizza dischi anteriori da 457 mm e posteriori da 432 mm ed è abbinato a cerchi di lega da 19" o 20". 

Design sportivo, debuttano i nuovi sedili M Sport. Il design della X2 è stato modificato in maniera discreta per la versione M35i. Esternamente sono previsti il kit aerodinamico M Sport, le due uscite da 100 mm dei terminali di scarico e la finitura Cerium Grey delle prese d'aria e delle calotte degli specchietti. La stessa tinta è ripresa anche dai dettagli dei cerchi di lega, mentre l'abitacolo riprende i contenuti della versione M Sport aggiungendo il volante sportivo con paddles integrati. In opzione sono previsti nuovi sedili con rivestimenti di tessuto e Alcantara o di pelle Dakota, anche traforata. Tra gli optional figurano anche l'head-up display a colori, il sistema BMW ConnectedDrive con BMW Connect App ed il sistema wireless per l'utilizzo di Apple CarPlay.

 

Categorie: 4 Ruote

Kia - Verso le forme definitive la futura Soul EV

4 Ruote - Set 07,2018

In attesa di scoprire la nuova Kia Proceed, il cui debutto avverrà in occasione dellimminente Salone di Parigi, in programma dal 4 al 14 ottobre, i nostri fotografi hanno immortalato la nuova generazione della Soul elettrica.

Un leggero make-up. La filosofia stilistica utilizzata per la vettura può definirsi di tipo conservativo, visto che non andrà a stravolgere gli stilemi caratteristici del modello. Infatti, basta unocchiata per accorgersi che le somiglianze delle forme con lattuale generazione sono evidenti in molteplici dettagli, dal taglio dei montanti allandamento della coda. Il prototipo, camuffato (quasi) completamente, rispetto al protagonista delle immagini di qualche settimana fa lascia ora intravedere un nuovo particolare: una porzione dei fari posteriori a forma di L, estesi fin sul portellone. Allo stato attuale, però, non è possibile dire con esattezza se si tratti di un componente già definitivo oppure di un elemento provvisorio affiancato da specifiche pellicole per riprodurre parti di fari. Infine, il frontale dovrebbe proporre fari a Led assottigliati, un paraurti ridisegnato e una calandra dal design leggermente modificato.

Power unit derivata dalla Kona. Bocche cucite per quanto concerne laspetto tecnico. Unipotesi da tenere in considerazione è rappresentata dallimpego della tecnologia recentemente impiegata dalla "cugina" Hyundai Kona Electric, proposta in due varianti: 135 CV con 39,2 kWh oppure 204 CV con accumulatori da 64 kWh.

 

 

 

Categorie: 4 Ruote

Opel - Sulla Grandland X arriva l1.6 turbobenzina da 180 CV

4 Ruote - Set 07,2018

Sulla Opel Grandland X, cugina tedesca della Peugeot 3008 e modello molto riuscito e apprezzato, anche nelle nostre prove e nel recente Diario di bordo, debutta un nuovo interessante propulsore. Si tratta del 1.6 PureTech turbobenzina a iniezione diretta da 180 CV, che, come dice il nome, fa parte della famiglia di motori del gruppo francese: interamente di alluminio, punta a prestazioni elevate, come dimostra la potenza specifica, ma anche a garantire basse emissioni, grazie a un sistema di post-trattamento dei gas di scarico che include un filtro antiparticolato. La Casa dichiara un consumo medio di 5,8 litri/100 km (pari a 17,2 km/litro) e 132 g/km di CO2 combinato), dati che soddisfano il futuro standard Euro 6d-Temp sulle emissioni. Il quattro cilindri promette di assicurare alla crossover media, che sfiora i 4,5 metri, una guida vivace e agile, con un apprezzabile allungo fino ai 5.500 giri/minuto ai quali si trova la potenza massima, e una grande fluidità di marcia, grazie ai 250 Newtonmetro di coppia a 1.750 giri. Per quanto riguarda le prestazioni pure, lo 0-100 è il migliore della gamma Grandland X, con 8 secondi netti, mentre la velocità massima, sempre dichiarata, è di 222 km/h.

 

Categorie: 4 Ruote

Sul numero di settembre - Di che Euro sei?

4 Ruote - Set 07,2018

Con il 1 di settembre sono scattati importanti cambiamenti in termini di normative ambientali: uscite di scena le auto omologate Euro 6b, infatti, tocca ai nuovi e più severi standard Euro 6c, Euro 6d-Temp ed Euro 6d (per il quale lobbligo dimmatricolazione vigerà però dal 1 gennaio 2021). Novità non marginali, per chi si accinge a comprare una vettura nuova, ma passate quasi sotto silenzio: ecco perché era necessario fare chiarezza al proposito e verificare sul campo lo stato delle cose.

Indagine in incognito. Per capire se le reti di vendita sono in grado di spiegare ai potenziali clienti le differenze tra le varie normative e gli eventuali risvolti sulle possibilità di utilizzo delle auto, gli inviati di Quattroruote hanno visitato diverse concessionarie di Milano e Roma, formulando le appropriate domande agli addetti ai lavori. I risultati non sono stati confortanti in termini di preparazione del personale; ma su Quattroruote di settembre potrete scoprire anche se gli esemplari con precedenti omologazioni giacenti presso le concessionarie possono costituire, in termini di prezzi, un affare

Categorie: 4 Ruote

BMW X5 xDrive45e - Maggiore autonomia e più potenza per l'ibrida

4 Ruote - Set 07,2018

A soli tre mesi di distanza dalla presentazione della nuova generazione della X5, la BMW ha tolto i veli all'evoluzione ibrida plug-in della Suv. La nuova BMW X5 xDrive45e iPerformance porta al debutto in gamma un nuovo powertrain elettrificato composto da un sei cilindri in linea, a benzina, abbinato a un motore elettrico supplementare che permette alla sport utility ibrida di arrivare quasi allo stesso livello di performance dell'attuale modello di punta della gamma, la X5 M50d da 400 CV, rispetto alla quale promette però consumi, ed emissioni, nettamente inferiori.

394 CV e 2,1 l/100km. Il lancio della nuova ibrida "alla spina" è previsto per il prossimo anno: dentro al cofano sarà presente un 3.0 TwinPower Turbo a benzina da 286 CV abbinato a un'unità elettrica da 112 CV alimentata da una batteria agli ioni di litio posizionata nel sottoscocca della vettura. I due propulsori trasmettono la propria potenza alle ruote tramite un cambio automatico a otto rapporti con trazione integrale: così facendo la X5 ibrida può sfruttare le quattro ruote motrici anche in modalità puramente elettrica. Il powertrain genera una potenza complessiva di 394 CV e 600 Nm, sufficienti per portare la Suv elettrificata da 0 a 100 km/h in 5,6 secondi e per spingerla fino a una velocità massima di 235 km/h. In modalità a zero emissioni la X5 xDrive45e iPerformance può percorrere fino a 80 km, raggiungendo una velocità massima di 140 km/h, 20 in più rispetto al modello plug-in della precedente generazione. Nei dati rilevati dalla Casa, la Suv è in grado di consumare 2,1 l/100 km emettendo 49 g/km di CO2 misurati secondo il ciclo WLTP, adattato a NEDC per scopi di confronto. 

Batterie riposizionate per avere più spazio. La nuova collocazione del pacco batterie ha permesso di ridurre ulteriormente il centro di gravità della Suv, migliorandone, a detta della Casa, il comportamento dinamico. Il riposizionamento degli accumulatori ha permesso di ridurre l'impatto delle batterie sul volume di carico del bagagliaio: l'ibrida dispone di 150 litri di spazio in meno rispetto alle versioni a propulsione tradizionale, per un totale di 500 litri, ampliabile a 1.716 abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. Di serie la xDrive45e dispone di sospensioni pneumatiche a controllo elettronico e, a richiesta, può contare anche sull'Integral Active Steering con asse posteriore sterzante. Le altre dotazioni tecnologiche ricalcano quelle già disponibili in gamma e spaziano dal quadro strumenti digitale all'infotainment connesso, fino ad arrivare ai sistemi d'assistenza alla guida.

Categorie: 4 Ruote

Accademia ED - Al via il primo master in Digital Marketing Automotive

4 Ruote - Set 07,2018

Sta per partire il primo Master Digital Marketing Automotive, organizzato dallAccademia ED: le lezioni si apriranno il 10 settembre e proseguiranno fino al 28. Il corso, unico nel suo genere, punta a preparare al mondo del lavoro giovani appassionati di auto e vede come sponsor Volkswagen, Citroën, Suzuki, Volvo e Goodyear. Di grande rilievo anche i partner che collaborano con Accademia ED per questo progetto: realtà come Facebook, Google, PHD, DDB Group Italy e Openinfluence. I requisiti per candidarsi erano la laurea e una buona conoscenza dellinglese (anche se le lezioni saranno in italiano). E a rispondere sono stati in tanti, con profili diversi: c'è chi si è appena laureato e chi, invece, ha già un'esperienza lavorativa nel settore, ma vuole approfondire le proprie conoscenze. Lobiettivo del master, infatti, è quello di creare nuove figure professionali, sempre più richieste dal mercato automobilistico, quali Seo Manager, Social Media & Community Manager e Digital Advertiser. Tra i vari appuntamenti, i partecipanti avranno la possibilità di vivere una giornata di formazione nelle sedi milanesi di Facebook, Google e PHD.

Obiettivo digitale. Internet ha cambiato e sta cambiando sempre più le nostre vite e le nostre abitudini di acquisto. Da questa premessa, nasce la necessità di formare risorse che siano pronte a supportare concessionari e case automobilistiche in tutti i processi di digital transformation. Il percorso, che prevede lezioni dal lunedì al venerdì, propone tematiche di digital marketing con unimpronta verticale sul mondo automotive: come valutare e definire, per esempio, la presenza sui social media esplorando aspetti tecnici e di comunicazione. Durante il corso si approfondiranno aspetti di pianificazione e misurazione delle performance sui media digitali: come si compra, vende e misura la pubblicità? Si analizzeranno inoltre mezzi e strumenti come Adwords, Performance Marketing e Lead generation e un peso importante verrà ricoperto dall'analisi degli aspetti legati alla relazione digitale con gli utenti, al coinvolgimento degli influencer.

A lezione dai professionisti. Tutte le nozioni di teoria verranno supportate da case history presentate direttamente dai grandi professionisti che le hanno gestite in prima persona, per fornire agli studenti anche una visione pratica e pragmatica, caratteristica tipica dei Master di Accademia Editoriale Domus, unici in Italia. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito.

Categorie: 4 Ruote

Fiera di Parma - In scena tutte le novità dal mondo dei camper

4 Ruote - Set 07,2018

Alla Fiera di Parma torna, dall8 al 16 settembre, il Salone del camper, appuntamento di richiamo per gli appassionati del settore, che vedrà la presenza di oltre 300 aziende specializzate con più di 700 esemplari di questo genere di veicoli in esposizione. La rassegna occupa quattro padiglioni, per una superficie complessiva di 140 mila metri quadrati. Ai produttori e agli allestitori di veicoli destinati al tempo libero (di brand storici o da poco presenti sul mercato) si aggiungono i marchi consacrati ai componenti e agli accessori, spaziando dai carrelli alle tende, fino alle verande e alle attrezzature da campeggio e per le attività allaria aperta (trekking, biking, orienteering ecc.). La sezione Percorsi & mete è, invece, dedicata, alla promozione di luoghi e destinazioni ideali per questo tipo di turismo.

Per le famiglie. Il Salone, aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 18, dedica particolari attenzioni ai visitatori più piccoli, per i quali lingresso è gratuito fino alletà di 12 anni (non compiuti): a loro è dedicato il baby parking "Il bosco didattico", dove educatori professionali li assisteranno nei giochi tra amache e tende sospese (il servizio è riservato ai bimbi di età tra 3 e 8 anni, con una permanenza massima di due ore). Anche i cani sono benvenuti, ma museruola e guinzaglio sono raccomandati.

Le curiosità. Al Salone del camper si può ammirare anche Avoid, la più piccola casa su ruote mai realizzata in Italia: lunga 5,10 metri, larga 2,53 e alta 4, è stata ideata dal giovane architetto Leonardo Di Chiara con grande attenzione per gli stili di vita sostenibili. Salander, invece, è una roulotte anfibia lunga circa 4 metri, dotata di un fondo a scodella e di due camere daria sigillate. Tutte le informazioni utili per la visita della Fiera emiliana sono reperibili allindirizzo salonedelcamper.it: qui vogliamo darvi una sintesi delle principali novità che si potranno ammirare nei padiglioni.

 

Categorie: 4 Ruote

BMW - Arriva l'assistente personale di bordo

4 Ruote - Set 07,2018

Anche con le BMW si potrà parlare: la Casa di Monaco ha presentato lIntelligent Personal Assistant, che aumenterà il livello dinterattività dei propri modelli. Si tratta di un assistente vocale in grado di rispondere alle domande poste dal conducente, quando interpellato con la formula Hey BMW, proprio come accade con l'MBUX della Mercedes. Lintelligenza artificiale potrà essere gestita anche da remoto, utilizzando uno smartphone oppure da casa, attraverso un altoparlante intelligente. Il suo debutto, a partire dal prossimo mese di marzo, avverrà su X5, X4 e sulla Serie 8 equipaggiate con il nuovo sistema operativo BMW Operating System 7.0. Si potrà inoltre ordinare sulla nuova Serie 3 da novembre.

Un assistente (particolarmente) intelligente. La caratteristica principale dellIntelligent Personal Assistant è rappresentata dalla capacità di apprendimento delle abitudini di chi guida, dallimpostazione del sedile alle destinazioni più frequenti immesse nel navigatore. Non solo: il sistema può fornire informazioni sulle condizioni della vettura e spiegare le varie funzionalità di bordo. Lintegrazione con Microsoft Office 365 e Skype for Business permetterà inoltre di trasformare la propria auto in un ufficio mobile. Last but not least, lelevato livello dinterattività permetterà allassistente di rispondere a domande ed espressioni più complesse. Formulando per esempio una frase come Hey BMW, mi sento stanco verranno modificati in automatico una serie di parametri, come lilluminazione dellabitacolo, il livello della musica e la temperatura del climatizzatore, per aumentare la reattività del conducente.

Categorie: 4 Ruote

Ford - Il teaser di una Suv sportiva con le linee della Mustang

4 Ruote - Set 06,2018

La Ford ha svelato il primo teaser della nuova crossover elettrica atteso sul mercato nel 2020. Nota per il momento con la sigla non definitiva Mach 1 e annunciata nel gennaio scorso, la Suv sportiva avrà nei suoi geni il Dna della Mustang, uno dei modelli simbolo della Casa americana.

Il dna Mustang nella coda. Il bozzetto mostra soltanto il posteriore della vettura e svela forme da Suv coupé con un lunotto compatto e molto inclinato oltre a un possibile accenno di terzo volume. I piccoli gruppi ottici con tre elementi verticali per lato sono una chiara citazione della attuale Mustang, ma anche l'impostazione del paraurti e dei passaruota richiama più a una sportiva che a un veicolo a ruote alte. In occasione della diffusione del teaser è stato svelato anche il dato di 300 miglia (480 km) relativo al target di autonomia previsto.

Un team dedicato per ibride ed elettriche. La Ford ha creato un gruppo dedicato allo sviluppo dei modelli elettrici denominato Team Edison e diretto da Darrer Palmer, che in passato ha collaborato proprio allo sviluppo della Mustang attuale. Gli investimenti di oltre 11 miliardi di dollari dimostrano l'impegno totale della Casa americana verso il futuro: l'obiettivo è quello di avere 16 modelli totalmente elettrici e una gamma globale di 40 modelli elettrificati entro il 2022.

Categorie: 4 Ruote

Toyota - Possibile collaborazione sull'ibrido con la Geely

4 Ruote - Set 06,2018

La Toyota e la Geely stanno valutando una eventuale collaborazione per lo sviluppo di nuovi powertrain ibridi con motori endotermici a benzina. La Casa giapponese ha confermato ufficialmente di aver aperto un canale di comunicazione con la Geely, senza però fornire dettagli, mentre alcune indiscrezioni raccolte da Autonews.com hanno delineato con maggiore precisione i confini di questo possibile sforzo congiunto.

Toyota vuole crescere sul mercato cinese. La Toyota sta valutando le migliori soluzioni per poter incrementare le vendite sul ricco mercato cinese e l'ipotesi più probabile è che il contatto con la Geely possa innanzitutto permettere di ottenere condizioni migliori da un fornitore cinese di batterie che le due Case utilizzano già separatamente. La Toyota produce dal 2015 i propri modelli ibridi in Cina, ma introdurrà localmente la tecnologia plug-in hybrid solo nel corso del 2019.

 

 

 

Categorie: 4 Ruote

Mick Schumacher - Esibizione al Nürburgring su una Mercedes DTM

4 Ruote - Set 06,2018

Mick Schumacher proverà la Mercedes-AMG C63 DTM questo fine settimana, sul circuito del Nürburgring. Il figlio del sette volte campione del mondo di Formula 1 sarà al volante della "race taxi" per un'esibizione che si terrà venerdì.

Unottima annata. Dopo il buon debutto del 2016 nella Formula 4 italiana e in quella tedesca, Mick è passato lo scorso anno in Formula 3 e ha accumulato parecchia esperienza, che durante questa stagione nellEuropean Championship di F.3 gli ha permesso di conquistare tre vittorie e occupare il quarto posto in campionato. Mick è attualmente impegnato nella categoria con la Prema Racing, la cui monoposto è spinta dal propulsore Mercedes. stata proprio la Casa tedesca a volerlo in pista nellevento del Nürburgring, al momento solo per unesibizione. Sembra da escludere, infatti, un coinvolgimento di Mick Schumacher nel DTM 2019, soprattutto tenendo conto delluscita del marchio della Stella dal campionato tedesco.

Il futuro nelle monoposto. Tuttavia, per Schumacher potrebbero presto aprirsi nuove opportunità in campionati internazionali. Lo scorso weekend a Monza pare ci siano stati i primi colloqui per un possibile passaggio in Formula 2, dove la Art Grand Prix potrebbe accogliere il giovane pilota tedesco. Sarebbe un ulteriore passo avanti verso quel sogno chiamato Formula 1.

Categorie: 4 Ruote

Pure H - Svelata a Grand Basel la nuova supercar svizzera

4 Ruote - Set 06,2018

In occasione della esposizione Grand Basel ha fatto il suo debutto il progetto Pure H dell'imprenditore svizzero Rene Schmidli. L'azienda con base a Zurigo ha presentato un modello in scala 1:4 della propria hypercar con telaio di carbonio, della quale sono state diffuse anche le ricostruzioni grafiche dettagliate della carrozzeria e degli interni.

Lusso e design prima di tutto. La Pure H nasce per mettere al primo posto il lusso e il design, combinati con prestazioni di rilievo e con soluzioni tecniche capaci di rendere la vettura realmente utilizzabile quotidianamente. L'aerodinamica attiva ha permesso di mantenere pulita la linea esterna, mentre l'abitacolo punta sulla tecnologia per ridurre al minimo gli elementi, con un comando rotante dedicato alla trasmissione automatica e la strumentazione digitale divisa in tre display distinti.

900 CV e 345 km/h. Attraverso il video teaser sono stati diffusi i primi dati tecnici: per raggiungere i 345 km/h di punta massima e toccare i 100 km/h da fermo in meno di 3 secondi la Pure H si affida ad un V8 biturbo da 900 CV montato in posizione centrale, con un rapporto peso/potenza di 1,6 kg/CV e con la trasmissione automatica otto marce. Non ci sono per il momento indicazioni circa l'eventuale adozione di un powertrain elettrificato, né dell'eventuale derivazione del propulsore da quello di un altro costruttore di grande serie.

Categorie: 4 Ruote

Lister LFP - Una Jaguar F-Pace da 320 km/h

4 Ruote - Set 06,2018

La Lister ha diffuso le prime informazioni sulla LFP, aprendo le prenotazioni della Suv con prezzi a partire da circa 140.000 Sterline, pari a circa 155.000 euro al cambio attuale. La Lister LFP deriva dalla Jaguar F-Pace e nasce con il preciso intento di offrire sul mercato il suv più veloce in assoluto. L'obiettivo è di raggiungere le 200 miglia orarie (320 km/h) con un tempo di 3,5 secondi per toccare le 60 miglia orarie (96 km/h) da fermo. I dati sono più elevati rispetto alla F-Pace SVR annunciata dalla stessa Jaguar: quest'ultima, con 550 CV, non va oltre i 283 km/h.

670 CV per la Suv elaborata. Per questo motivo è stato adottato il propulsore 5.0 V8 Supercharged in una variante elaborata da 670 CV e sono state realizzate parti di fibra di carbonio per ottenere una maggiore downforce. Tutte le specifiche delle modifiche saranno presentate in occasione del lancio ufficiale, che coinciderà anche con la nascita della Lister Tuning Division e con lo spostamento di tutte le attività nella nuova sede nel Lancashire.

Categorie: 4 Ruote

Ford - Richiamo per due milioni di pick-up

4 Ruote - Set 06,2018

La Ford ha avviato volontariamente una campagna per richiamare quasi due milioni di pick-up venduti in Nord America. Nello specifico la Casa di Dearborn sottoporrà a riparazione 1.995.776 esemplari di F-150, nelle versioni Regular Cab e SuperCrew Cab, per risolvere un difetto ai pretensionatori delle cinture di sicurezza anteriori.

Il rischio di un incendio. La Ford ha deciso di avviare la campagna dopo un'indagine che ha rilevato come alcuni pretensionatori rischino di generare un eccessivo quantitativo di scintille al momento della loro attivazione. Le scintille potrebbero entrare in contatto con i gas esausti presenti all'interno della parte inferiore del montante e quindi determinare un incendio. La Casa americana, ieri preceduta da un'analoga iniziativa promossa dalla Toyota su 1 milione di veicoli ibridi, ha rivelato di essere a conoscenza di 15 segnalazioni di fumo o di principio di incendio tra Stati Uniti e Canada, ma di nessun incidente mortale o ferimento di persone per colpa del difetto. I veicoli sottoposti a richiamo sono stati prodotti tra il 2015 e il 2018 negli impianti di Dearborn e Kansas City e sono stati venduti per la maggior parte sul territorio statunitense: 1.619.112 risultano commercializzati negli Stati Uniti, 339.884 in Canada e 36.780 in Messico.

Costi per 140 milioni di dollari. La campagna di richiamo, che sarà sostenuta da Ford North America, la principale divisione della Casa di Dearborn, costerà circa 140 milioni di dollari. Del resto le riparazioni porteranno alla sostituzione di parti importanti della scocca: saranno infatti sostituiti il materiale isolante e i cablaggi del montante centrale e saranno applicati nuovi materiali resistenti al calore. Gli oneri saranno contabilizzati nel terzo trimestre, ma non avranno alcun impatto sulle prospettive finanziarie indicate dai vertici aziendali per il 2018. La Ford ha infatti confermato la previsione di un utile per azione, al netto di eventuali componenti straordinarie, all'interno dell'intervallo tra 1,3 e 1,5 dollari. 

 

Categorie: 4 Ruote

Audi Q2 - Dotazioni più ricche e un nuovo allestimento

4 Ruote - Set 06,2018

La Audi Q2 Model Year 2019 introduce alcune novità per il mercato italiano. La vettura, disponibile a partire da 25.900 euro, viene ora descritta con la nuova nomenclatura delle motorizzazioni Audi e propone nuove dotazioni e un inedito allestimento denominato Admired. La gamma dei propulsori include i benzina 30 TFSI (1.0 da 116 CV) e 40 TFSI (2.0 da 190 CV) e i diesel 30 TDI (1.6 da 116 CV), 35 TDI (2.0 da 150 CV) e 40 TDI (2.0 da 190 CV), mentre non è più disponibile il 1.4 TFSI.

 

Il nuovo allestimento Admired. La gamma viene ora articolata sulle versioni base, Business, Business Design, Admired e S Line Edition. Tutti gli allestimenti, escluso quello d'ingresso, offrono ora di serie il climatizzatore automatico bizona. La versione Business Design offre invece come ulteriore novità il pacchetto estetico, la verniciatura grigio Manhattan dei dettagli esterni, del montante posteriore e dei cerchi da 17". Sulle versioni Business e Business Design è inoltre disponibile il pacchetto Evolution (di serie su Admired e S Line Edition) con gruppi ottici anteriori e posteriori Led, luci Led interne, bracciolo centrale e finiture interne d'alluminio spazzolato opaco. La inedita versione Admired, basata sulla precedente Sport, offre i cerchi da 17", i sedili sportivi, il cruise control adattivo e la navigazione satellitare.

Listino prezzi Audi Q2 Model Year 2019

Audi Q2 30 TFSI 116 CV: 25.900 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV Business: 28.600 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV Business Design: 29.450 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV Admired: 30.750 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV S line Edition: 31.680 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV S tronic: 28.100 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV S tronic Business: 30.800 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV S tronic Business Design: 31.650 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV S tronic Admired: 32.950 euro
Audi Q2 30 TFSI 116 CV S tronic S line Edition: 33.880 euro
Audi Q2 40 TFSI 190 CV S tronic quattro Business: 37.800 euro
Audi Q2 40 TFSI 190 CV S tronic quattro Business Design: 38.650 euro
Audi Q2 40 TFSI 190 CV S tronic quattro Admired: 39.950 euro
Audi Q2 40 TFSI 190 CV S tronic quattro S line Edition: 41.580 euro

Audi Q2 30 TDI 116 CV: 27.100 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV Business: 29.800 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV Business Design: 30.650 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV Admired: 31.950 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV S line Edition: 32.880 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV S tronic: 29.300 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV S tronic Business: 32.000 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV S tronic Business Design: 32.850 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV S tronic Admired: 34.150 euro
Audi Q2 30 TDI 116 CV S tronic S line Edition: 35.080 euro
Audi Q2 35 TDI 150 CV S tronic quattro: 34.900 euro
Audi Q2 35 TDI 150 CV S tronic quattro Business: 37.600 euro  
Audi Q2 35 TDI 150 CV S tronic quattro Business Design: 38.450 euro
Audi Q2 35 TDI 150 CV S tronic quattro Admired: 39.750 euro
Audi Q2 35 TDI 150 CV S tronic quattro S line Edition 41.380 euro
Audi Q2 40 TDI 190 CV S tronic quattro Business: 40.400 euro  
Audi Q2 40 TDI 190 CV S tronic quattro Business Design: 41.250 euro
Audi Q2 40 TDI 190 CV S tronic quattro Admired: 42.550 euro
Audi Q2 40 TDI 190 CV S tronic quattro S line Edition 44.180 euro

 

Categorie: 4 Ruote

Jeep Cherokee - Il facelift in Italia con prezzi da 43.000 euro

4 Ruote - Set 06,2018

Presentata in anteprima mondiale nel gennaio scorso al Salone di Detroit, la versione aggiornata della Jeep Cherokee debutta ora anche in Italia con prezzi a partire da 43.000 euro e disponibilità da metà settembre. Inizialmente sarà ordinabile soltanto la versione diesel più potente, mentre le altre varianti saranno introdotte in un secondo tempo.

Design rivisto e più tradizionale. Il restyling ha modificato in maniera evidente il design, riportando il frontale a un aspetto più tradizionale con i gruppi ottici a Led principali ai lati del cofano in alluminio. Sono nuovi anche i paraurti, la calandra più sottile, i fari posteriori (sempre a Led) e il portellone, dotato di maniglia modificata e apertura elettrica. Sono previste, inoltre, dieci tinte esterne, tra cui spiccano le inedite Olive Green e Pearl White, e cinque diverse opzioni per i cerchi di lega. Gli interni offrono finiture aggiornate, nuovi materiali e dotazioni di livello superiore, con la console centrale ridisegnata e una diversa organizzazione del vano bagagli, che ha permesso di guadagnare 70 litri di capacità: secondo i dati ufficiali la capienza ora varia da 570 a 1.555 litri totali.

Infotainment di quarta generazione. Oltre alle finiture Piano Black e Satin Chrome, la nuova Cherokee è riconoscibile per il display integrato nella strumentazione nelle varianti da 3,5 pollici in scala di grigi o 7 pollici a colori. Nella console centrale troviamo invece uno spazio dedicato allo smartphone e alle porte di connessione, mentre l'infotainment aggiornato prevede l'adozione dell'UConnect di quarta generazione con schermo da 7 o 8,4 pollici. Oltre a garantire la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto, il software consente anche di gestire la climatizzazione, la navigazione e l'impianto audio ed è corredato anche di comandi vocali. Il sistema più completo include pure il Jeep UConnect Live con app sul proprio smartphone che offre il traffico in tempo reale oltre a servizi d'informazione e intrattenimento.

2.2 diesel da 150 e 195 CV, nel 2019 anche il 2.0 turbo benzina. La nuova Jeep Cherokee introduce importanti novità dal punto di vista dei powertrain. Il propulsore diesel Multijet II 2.2 aggiornato alla normativa Euro6d-Temp sarà proposto nelle versioni da 150 CV e 350 Nm con cambio manuale sei marce e trazione anteriore e 195 CV con 450 Nm con l'automatico nove marce e la trazione anteriore o integrale, mentre nel 2019 sarà introdotto il 2.0 Turbo benzina da 270 CV e 400 Nm con cambio automatico nove marce, che a differenza della Wrangler già annunciata non utilizza il sistema mild hybrid a 48V.  Tutte le versioni con trasmissione automatica TorqueFlite nove marce possono contare su un software di gestione aggiornato che offre una risposta più rapida e precisa in accelerazione ed è ora abbinabile anche ai paddle al volante. Per il momento gli unici dati tecnici completi sono quelli relativi al diesel da 195 CV con cambio automatico, ancora calcolati con il ciclo NEDC: il consumo combinato è pari a 6,1 l/100 km e 161 g/km per la versione 2WD, con 9,1 secondi per toccare i 100 km/h e 205 km/h di punta massima, mentre la 4WD Active Drive II dichiara rispettivamente 6,9 l/100 km, 179 g/km, 9,3 secondi e 200 km/h.

Tre varianti della trazione integrale Jeep. In base agli allestimenti, oltre ai già citati modelli a trazione anteriore, sono previsti tre sistemi di trazione integrale, tutti dotati di Selec-Terrain con almeno quattro modalità di guida: Active Drive I (alleggerito di 8 kg) che gestisce in automatico l'eventuale invio di coppia all'asse posteriore, Acrive Drive II con modalità di guida 4WD Low con riduttore della trasmissione e Hill Descent Control e Jeep Active Drive Lock con blocco del differenziale posteriore e sistema Selec- Speed Control attivo fino a 9 km/h per il mantenimento automatico della velocità in fuoristrada. L'Active Drive Lock sarà offerto soltanto sulla versione Trailhawk ed è l'unico ad avere una quinta modalità di guida denominata Rock.

Tutti i nuovi Adas. Il restyling è anche l'occasione per introdurre una nuova serie di Adas. La Cherokee è dotata di serie di Active Forward Collision Warning-Plus con Pedestrian Emergency Braking, Advanced Brake Assist, Electronic Roll Mitigation, Adaptive Cruise Control-Plus, LaneSense Lane Departure Warning-Plus, Blind-Spot Monitoring con Rear Cross Path Detection, telecamera posteriore ParkView e Active Speed Limiter. Sugli allestimenti più ricchi sono inseriti anche il Park Assist totalmente automatico e l'Adaptive Cruise Control Plus con funzione Stop&Go.

Longitude, Business, Limited e Overland. Gli allestimenti previsti in Italia sono denominati Longitude, Business, Limited e Overland, mentre la versione Trailhawk sarà introdotta nel 2019. Oltre agli Adas già citati, la Cherokee Longitude offre di serie i gruppi ottici a Led, i cerchi da 17", il volante multifunzione in pelle, le barre argento sul tetto, i sedili in tessuto, il climatizzatore bizona, il sistema Keyless, i sensori di parcheggio posteriori, la retrocamera e il sistema UConnect con schermo da 7 pollici. Il modello Business aggiunge l'UConnect con schermo da 8,4 pollici, l'impianto audio con nove diffusori, i sedili anteriori e il volante riscaldabili, il portellone elettrico e i sedili anteriori regolabili elettricamente. La Limited aggiunge il display da 7 pollici nella strumentazione, i cerchi da 18", sensori di parcheggio anteriori e l'Adaptive Cruise Control Plus, mentre la Overland completa la dotazione con i cerchi da 19", il tetto panoramico, le fasce laterali in tinta, i sedili ventilati di pelle nappa, la plancia di pelle e i sedili posteriori riscaldabili.

Prezzi di listino della Jeep Cherokee Model Year 2019
2.2 diesel 195 CV 2WD automatica Longitude: 43.000 euro
2.2 diesel 195 CV 2WD automatica Limited: 46.500 euro
2.2 diesel 195 CV 4WD Active Drive I Longitude: 44.300 euro
2.2 diesel 195 CV 4WD Active Drive I Business: 45.300 euro
2.2 diesel 195 CV 4WD Active Drive I Limited: 47.800 euro
2.2 diesel 195 CV 4WD Active Drive I Overland: 50.800 euro
2.2 diesel 195 CV 4WD Active Drive II Overland: 51.800 euro

Categorie: 4 Ruote

Fernando Alonso - In pista con la Honda del team Andretti

4 Ruote - Set 06,2018

Dopo il Gran Premio dItalia di F.1 a Monza, Fernando Alonso è volato oltreoceano per prendere parte a un test privato, a bordo della Honda del team Andretti Autosport. Per la prima volta, il pilota spagnolo si è messo al volante di una monoposto di Indycar su un circuito stradale, portando avanti una sessione di test sul circuito di Barber, in Alabama.

Una buona giornata di test. Alonso si è calato nuovamente nellabitacolo della DW12 che aveva già guidato alla 500 Miglia di Indianapolis, questa volta però in configurazione stradale. Anche grazie alle mutevoli condizioni meteo, il trentasettenne spagnolo ha avuto modo di guidare sia in condizioni di bagnato sia di asciutto, aumentando esponenzialmente la sua esperienza su una monoposto molto diversa da quella di Formula 1. "Adoro provare nuove macchine e mettermi al volante di una Indycar su un circuito stradale è qualcosa di veramente speciale", ha dichiarato al termine del test. "Nel complesso è stata una giornata positiva e sono stato fortunato a poter guidare in condizioni di asfalto bagnato, intermedio e poi asciutto. Adoro stare dietro a un volante e questa nuova esperienza mi ha permesso di imparare tante cose nuove". Quanto al futuro, non vuole ancora sbilanciarsi: "Potrei fare il campionato o una singola gara. Ma potrei anche non fare nulla. Valuterò ogni opzione possibile".  

Polemiche in F.1. Dopo l'annuncio del ritiro dalla Formula 1, Alonso ha adottato un approccio ancora più duro con i suoi rivali in pista e nel fine settimana del Gran Premio d'Italia non sono mancate le polemiche, a cui lo spagnolo non ha risposto. Sabato, lo scontro con Magnussen che ha scatenato l'ira del danese: "Alonso pensa di essere Dio, mi ha riso in faccia mancandomi di rispetto". Una cosa simile si è ripetuta in gara tra lo spagnolo e Pierre Gasly, pilota della Toro Rosso, che ha tuonato: "Alonso mi ha letteralmente spinto fuori. Penso che il suo approccio alle gare sia diverso, ora che sa che non correrà in Formula 1 l'anno prossimo. Sembra più aggressivo di prima. Con me è stato scorretto, pare ci odi particolarmente per via del motore Honda".

Categorie: 4 Ruote